Le migliori criptovalute finalmente decriptate : la tua guida per investire nella cryptocurrency

Le migliori criptovalute

Al momento esistono più di 1.500 criptomonete diverse ! Una cifra enorme e in costante aumento che può rivelarsi un asso nella manica per gli investitori meglio informati.

Scopri le criptovalute più prestigiose e più in voga, la classifica stilata dal nostro team e i vari confronti ti permetteranno di avere una visione d’insieme delle migliori monete virtuali del 2018 :

Migliori criptovalute  Logo  Token
Ripple
Ripple XRP
Bitcoin
Bitcoin BTC
Ethereum
Ethereum ETH

La tabella mostra le migliori monete virtuali, ovvero quelle che hanno maggior peso sui mercati finanziari, che registrano i risultati più importanti o che sembrano essere più promettenti e che di conseguenza, sono le favorite tra gli investitori nel 2018.

Come investire in Bitcoin e in criptovalute nel 2018 ?

trading in criptovalute

Le criptovalute stanno rivoluzionando le transazioni finanziare ma va detto che offrono anche delle ottime opportunità per investire. Esistono numerosi tipi di investimento, come qui di seguito riportati:

  • Comprare e scambiare criptomonete

Per sfruttare e beneficiare della popolarità di cui gode la moneta elettronica, gli investitori possono procurarsi dei token, gettoni di moneta digitale. Una volta acquistati, questi sono conservati in un portafoglio online (o wallet) e possono essere successivamente scambiati con altri token su piattaforme di exchange Bitcoin e con altre monete virtuali.

  • Speculare e fare trading in criptomonete

È possibile investire anche in bitcoin e in altre criptovalute attraverso piattaforme di trading di CFD. Qui il concetto è diverso ma prevede molteplici e grossi vantaggi.

Il trading consiste nell’investire sul rialzo o sul calo di una moneta, ovvero di speculare sui prezzi. Va specificato che quando si investe in cryptocurrency e si fanno operazioni di trading, non si possiedono dei token.

Due grandi vantaggi del trading :

  1. Non possiedi nessun token e quindi, al contrario degli investitori che ne hanno acquistati, non subirai danni se la moneta elettronica andrà in ribasso.
  2. Per te non ha importanza se la moneta digitale acquista valore o meno per generare profitto, visto che puoi sfruttare sia il suo calo che il suo rialzo.

Infatti è proprio grazie alla loro forte volatilità che le criptovalute si rivelano particolarmente adatte al trading.

Il nostro team ha creato questa tabella prendendo in considerazione moltissimi fattori come, ad esempio, l’importo del primo deposito minimo, il numero di monete virtuali disponibili, la facilità d’uso della piattaforma, il termine di pagamento dei prelievi, il grado di soddisfazione generale dei trader… Tutte le piattaforme di trading presenti in questa classifica e confronto sono regolate dalla Cysec.

I nostri consigli su come fare trading in criptovalute

Quando si fanno operazioni di trading in criprovalute, è preferibile diversificare gli investimenti e acquisire posizioni in più e diverse monete. Si tratta generalmente di una strategia di trading assai più remunerativa di quella che prevede di investire, per esempio, solo in Bitcoin.

È per questo motivo che la nostra classifica e il confronto tra i migliori broker trading tiene in conto il numero di crypto disponibili su ogni piattaforma.

Come con ogni tipo di investimento, il trading può determinare la perdita dell’intero capitale investito o di una parte. Pertanto è fondamentale non investire mai fondi che non puoi permetterti di perdere.

Bitcoin e le altre criptomonete (altcoin) : quali sono le differenze ?

cryptovaluta BitcoinQuando il Bitcoin è stato lanciato il 3 gennaio del 2009, allora la moneta elettronica non esisteva ancora. Il suo fondatore, Satoshi Nakamoto, rappresenta un vero e proprio pioniere in quanto è stato il primo a lanciare una moneta dematerializzata e decentralizzata, basata sulla blockchain. Altra novità, parliamo di una moneta minabile ! Il Bitcoin mining è un qualcosa di estremamente tecnico : i miner risolvono delle equazioni in rete grazie ai loro computer e ciò gli permette di generare monete Bitcoin che si ottengono così come ricompensa.

Il fenomeno si è in seguito esteso, sviluppato portando alla nascita di tutta una serie di nuove criptovalute (o altcoin per le monete alternative). Oggi ne contiamo più di 1400 !

Se tutti gli altcoin hanno un punto in comune con il Bitcoin, ovvero quello di essere monete dematerializzate (nello specifico, sta a significare che non esistono monete, banconote o altri elementi fisici) e decentralizzate (o meglio, non sono soggette ad alcuna istituzione finanziaria), ognuno svolge la propria funzione e ha il proprio obiettivo.

Numerosi altcoin, come Dash, Litecoin o Monero ad esempio, sono stati creati con lo stesso scopo del Bitcoin, ovvero permettere delle transazioni finanziarie in maniera più rapida, sicura e a basso costo.

Bitcoin e le altre criptomonete (altcoin) Da parte sua, Ethereum ha creato la tecnologia smart contract (contratti intelligenti) che permette di stabilire dei contratti fondati sulla blockchain fissi, non modificabili, e che prevedono dei regolamenti automatici dal momento in cui una o più condizioni sono soddisfatte. Neo è il suo rivale cinese.

Gli altcoin possono ancora avere altri tipi di funzioni. Ecco qualche esempio : CashBet Coin è usato per scommesse sportive e altri giochi online, Augur è incentrato sui mercati di previsioni, VeChain punta alla lotta alla contraffazione, Populous viene utilizzato per il regolamento di fatture sulla blockchain…

Ora sar chiaro, ogni cryptocurrency ha una sua caratteristica e una determinata funzione. Ecco perché possono rappresentare delle ottime opportunità di investimento per investitori e trader di tutto il mondo.

ICO : il nuovo trend di raccolta fondi in cryptocurrency

ICO sta per Initial Coin Offering. Si tratta di una raccolta fondi esclusivamente in cryptocurrency. Non è possibile partecipare con monete legali come l’euro o il dollaro. Questo tipo di finanziamento permette alle società di raccogliere i fondi necessari per il loro sviluppo e agli investitori di ottenere gettoni di moneta digitale. Per quanto riguarda la funzionalità, è abbastanza semplice : ogni società definisce l’importo massimo che vuole destinare alla raccolta e una certa durata. ICO termina nel momento in cui ottiene l’importo sperato o alla fine del periodo prestabilito.

Nel 2014 Ethereum è stata la prima cryptovaluta a lanciare una ICO per finanziare il suo progetto. La blockchain ha cosi’ distribuito dei token ether agli investitori in cambio di bitcoin. Da allora, l’ICO è diventato il tipo di finanziamento più usato per i progetti di blockchain. Nel 2017, circa 4 miliardi di dollari sono stati raccolti in questo modo.

In particolare, 2 ICO resteranno nella storia : quella di Tezos che ha raccolto 230 milioni di dollari (un record che al momento non è stato ancora eguagliato) e l’ICO di Brave che è riusciuta nell’impresa di raccogliere 35 milioni di dollari in soli 30 secondi !

Visita il nostro sito per saperne di più sulla blockchain e sulle criptovalute !

Share this